I tempi di attesa per una consulenza sono di 3/4 giorni circa. Contattami subito! Non ti impegna e non perdi tempo
Home/ALLATTAMENTO/Tendinite e Allattamento

Tendinite e Allattamento

Molte donne durante l’allattamento lamentano dolori ai polsi, gomiti o articolazioni delle dita. E’ una tendinite o il morbo di De Quervain. Ti spiego perché accade, come prevenire e cosa fare per farti stare meglio.

Per quale motivo viene?

Sono dovute principalmente alla posizione assunta durante l’allattamento o nel portare il bambino in braccio. Il polso, le dita della mano e di conseguenza avambraccio e gomito, vengono sollecitati sempre nello stesso identico modo, a lungo, quotidianamente. La ripetitività dello stesso identico sforzo comporta alla lunga un’infiammazione dei tendini e delle giunture interessate.  In realtà questo può capitare anche alle donne che usano il biberon o nonne che si occupano quotidianamente dei nipotini piccoli. Anche se una certa influenza sembrano averla anche le alterazioni ormonali tipiche della gravidanza e dell’allattamento.

Cos’é il Morbo di De Quervain

La patologia più frequente è a livello del polso e viene denominata morbo di De Quervain (nome dell’ortopedico che per primo l’ha studiata). Questa è un’infiammazione che interessa i due tendini estensori del pollice (abduttore lungo ed estensore breve del pollice) nel passaggio della guaina omonima a livello del polso. Queste tendiniti sono piuttosto fastidiose e in alcuni momenti anche molto dolorose. Però sono generalmente transitorie. Una volta venuta meno la causa che le ha provocate nel giro di qualche giorno tendono a scomparire definitivamente.

Cosa si può fare per guarire la tendinite?

  • Nei momenti di intenso dolore si può assumere un antidolorifico/antinfiammatorio localmente o per via sistemica. Non preoccuparti, i farmaci più comunemente usati sono compatibili con allattamento (vedi farmaci e allattamento).
  • Ricorri ad un tutore che tenga il polso o il pollice immobilizzati per una ventina di giorni.
  • Prova anche dei massaggi locali con pomate a base di arnica.
  • L’intervento chirurgico, a volte prospettato, è generalmente inutile e non indicato in questi casi. Con il passare (veloce) del tempo e la crescita del bambino, le sollecitazioni in questione verranno meno e di conseguenza tutto andrà a posto da solo.

Come puoi prevenirla?

  • Cambia spesso le posizioni in cui allatti o si tiene il bambino. Basta modificare spesso la posizione della mano, anche di poco, per evitare sollecitazioni patologiche
  • Allatta con un cuscino su cui appoggiare gomiti e polsi. Il cuscino non serve tanto a sostenere il bambino, quanto a rendere te più comoda. Non sono indispensabili cuscini appositi, anche un qualsiasi cuscino di casa o del tuo letto va benissimo, purché si eviti di stare in tensione.
  • Utilizza una pratica fascia porta-bebè al posto di tenere il bambino in braccio spesso. Avrai le mani libere, sarai più comoda e lui si sentirà anche meglio contenuto e più rilassato. Scopri di più sul babywearing.

Le posizioni contano!

Il modo in cui sostieni il bambino mentre allatti può fare la differenza. Se pensi di non essere comoda, o di avere tensioni durante l’allattamento, se non riesci ad appisolarti durante l’allattamento, forse puoi valutare la possibilità di modificare posizioni o correggerle un po’. Se hai bisogno di aiuto o di un confronto, possiamo vederci: durante la mia consulenza allattamento ti posso mostrare posizioni più comode, da provare insieme o suggerimenti utili per farti riposare mentre allatti.

novembre 24th, 2017|Categories: ALLATTAMENTO|Tags: , , , |Commenti disabilitati su Tendinite e Allattamento