I tempi di attesa per una consulenza sono di 3/4 giorni circa. Contattami subito! Non ti impegna e non perdi tempo
Home/ALLATTAMENTO/Allattare in fascia 

Allattare in fascia 

Allattare in fascia è possibile: scopri quando e come fare per sfruttare tutti i benefici del baby wearing.

Il baby wearing, cioè l’arte di “indossare un bambino” con un supporto in modo che possa “starti addosso” in tutta sicurezza e riducendo il peso, ha molteplici indicazioni e lati positivi e ne ho parlato a fondo in questo articolo.
Uno dei benefici e della comodità della fascia lunga è allattare mentre si indossa il bambino e, volendo, continuare a muoversi anche in questi frangenti.

E tu? Hai mai provato ad allattare in fascia?

Perché allattare in fascia?

Le regioni per allattare in un supporto possono essere molteplici e le modalità diverse per ciascuna coppia mamma/bimbo. Ecco qualche buon motivo:

  • per avere le mani libere e potersi muovere mentre si allatta, ad esempio in presenza di due gemelli o di più bimbi a distanza molto ravvicinata quando si deve andare a prendere il più grande all’asilo, ecc.
  • quando stai camminando e devi fare una commissione senza poterti fermare e il neonato desidera poppare
  • in presenza di reflusso, quando è importante che il neonato stia il più possibile in posizione eretta durante e dopo la poppata
  • in presenza di un riflesso di emissione forte, quando il bambino fa fatica a poppare da sdraiato o poppa meglio solo se viene un po’ cullato, distratto o rilassato
  • in presenza di particolari difficoltà di presa e attacco al seno, quando la posizione migliore per evitare ragadi o migliorare un vasospasmo è una posizione supportata anche dall’utilizzo della fascia (la famosa terza mano che ti manca!)
  • quando la mamma fa fatica a sorreggere il bambino per dolori articolari come le tendiniti ai polsi o in presenza di patologie croniche che compromettono le forze materne, in questi casi sicuramente meglio allattare entrambi da sdraiati ma se le circostante non lo consento può essere una buona alternativa

Come si fa ad allattare in fascia? 

In generale sarebbe bene avere un ottimo supporto, una fascia rigida o semi-rigida sarebbe meglio.

Dato che va allentata un po’ tutta la legatura è importante che i nodi e la fascia non siano troppo sottili e cedevoli.

Vi invito a chiedere il supporto professionale di una consulente del portare certificata e di sperimentare su di voi la modalità di legatura migliore.

La posizione in cui si allatta in fascia richiama il cosiddetto biological nurturing o posizione fisiologica/biologica (istintiva di allattamento)

 

L’allattamento in posizione biological nurturing è estremamente utile per prevenire e risolvere diversi problemi di allattamento. La puoi vedere nella foto di questo mio articolo.

Guarda caso sono entrambe due posture estremamente fisiologica e istintive, sia per la madre che per il bambino, sia per allattare normalmente che per essere tenuti tra le braccia.

In questo modo il bambino raggiunge il capezzolo in una modalità corretta e profonda, con la testolina giustamente reclinata all’indietro, il corpo bene aderente a quello materno e ottimamente sostenuto, così che il piccolo debba concentrarsi solo sull’attacco e la suzione. L’attacco è asimmetrico e ampio, in modo da essere indolore e garantire un adeguato trasferimento di latte.

 

Quando è bene evitare di allattare in fascia? 

Il momento giusto per provare ad allattare in fascia è ad allattamento avviato. Quando cioè la produzione di latte è adeguata al fabbisogno del bambino, il piccolo si attacca in modo competente ed efficace ed è presente un attivo trasferimento di latte. QUI trovi la checklist di una poppata efficace.

Questi sono i casi, invece, in cui è meglio aspettare ad allattare con il supporto della fascia:

  • se il bimbo tende ad addormentarsi subito al seno, perché leggermente itterico o prematuro
  • se in generale è un bimbo “pigro” con bilirubina ancora alta, fatica a trasferire latte oppure tende a dormire troppo. In questi casi l’uso della fascia va abbinato ai risvegli attivi del neonato allo scopo di offrire il seno in fase di veglia
  • se la mamma ha una produzione non adeguata al fabbisogno del bambino. In questo caso l’allattamento in fascia non è controindicato, purché si controlli che la poppata non si concluda in addormentamento dopo pochi minuti e che la mamma abbia comunque la possibilità, diverse volte al giorno, di utilizzare un eventuale tiralatte
  • se la fasciatura non è fatta bene, il supporto non è adeguato, la postura in fascia non è corretta o fisiologica. In questo caso fai molta attenzione al fai da te perché il rischio è di una poppata inefficace, ragadi o mal di schiena e posture dannose per il neonato

Benefici del baby wearing 

Il baby wearing non è la causa dell’abitudine di un bambino a stare in braccio bensì è la risposta più comoda e fisiologica alla loro altrettanto fisiologica richiesta di stare addosso a sopravvivere in modo sicuro garantendosi contenimento e protezione, vitto e alloggio compresi!

Il baby wearing non vizia i bambini ma risponde ai loro bisogni istintivi di contatto e contenimento.

I bambini vivono in fascia, crescono, poppano, dormono, si guardano intorno, esplorano il mondo stando al sicuro, sviluppano le articolazioni delle anche e la muscolatura in modo più fisiologico e sperimentano l’equilibrio e la propria fisicità attraverso quella materna.

Quando sono pronti a scoprire il mondo fanno di tutto per voler scendere dalle braccia materne, uscire dalla fascia e mettersi a terra a gattonare istintivamente, fanno dentro e fuori per lungo tempo prima di spiccare il volo definitivamente, come un cangurino che entra ed esce dalla tasca della sua mamma fino a saltare fuori definitivamente e non rientrare più.

Ho descritto tutti i benefici e la pratica del baby wearing in questo post.

Scopri se anche tu sei una di quelle mamme alle quali può essere indicato o che considerano comodo allattare in fascia. Parliamone in consulenza.

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.