I tempi di attesa per una consulenza sono di 3/4 giorni circa. Contattami subito! Non ti impegna e non perdi tempo
Home/ALLATTAMENTO/Farmaci in allattamento: è possibile?

Farmaci in allattamento: è possibile?

blister farmaco

In realtà i farmaci compatibili con l’allattamento sono molti, tanti tra quelli più comunemente usati. Esiste una classificazione internazionale con diverse categorie di rischio, e spesso, per molti di quelli sconsigliati, esistono delle valide alternative. Eppure sento ancora troppo spesso racconti di donne che hanno smesso di allattare perchè in cura con dei farmaci, o di donne che non si curano per paura di danneggiare il bambino.

La valutazione della sicurezza di un farmaco in allattamento è purtroppo a volte ancora contraddittoria. Gli studi in merito sono pochi e recenti e non sempre i medici sono aggiornati sul tema. Per questo motivo  i professionisti interpellati sono spesso disorientati e, nel dubbio, tendono a sconsigliare l’uso di qualsiasi medicinale o possono suggerirvi di smettere di allattare. Così come è noto che i “foglietti illustrativi” dei medicinali sono spesso scritti più per proteggersi da eventuali azioni legali che per una reale e corretta informazione ai pazienti.

In realtà i farmaci compatibili con l’allattamento sono molti, tanti tra quelli più comunemente usati. Esiste una classificazione internazionale con diverse categorie di rischio, e spesso, per molti di quelli sconsigliati, esistono delle valide alternative. Eppure sento ancora troppo spesso racconti di donne che hanno smesso di allattare perchè in cura con dei farmaci, o di donne che non si curano per paura di danneggiare il bambino. Uno dei casi tipici è quello della mastite. In alcuni casi trovi medici che impongono l’immediata sospensione dell’allattamento o la necessità di buttare il latte a causa dell’antibiotico che si deve assumere; in altri ho visto mamme non prendere nemmeno un blando antifebbrile in presenza di febbre altissima per paura di danneggiare il bambino.

A CHI CHIEDERE UN CONSIGLIO SUI FARMACI IN ALLATTAMENTO?

In caso in cui dobbiate assumere un farmaco (farmaci tradizionali, anche quelli “da banco”), informatevi se  è compatibile con l’allattamento. Le consulenti IBCLC possono aiutarvi a consultare la classificazione internazionale e dirvi cosa vi è riportato in merito al farmaco che dovete prendere.

Un altro valido strumento da ricordare è il numero verde per i farmaci in allattamento del centro antiveleni dell’ospedale di Bergamo in  collaborazione con l’Istituto Mario Negri di Milano. Il numero è: 800 88 33 00. Chiamate dando il nome commerciale del farmaco che dovete prendere o del principio attivo e vi sarà detto se il farmaco è compatibile con l’allattamento o meno e, nel caso, quale alternativa esiste.

 Alcuni accorgimenti utili sono:

  • evitare le formule a lento rilascio
  • assumere il farmaco subito dopo la poppata
  • essere informate circa eventuali effetti collaterali in modo da tenere sotto osservazione il bambino (specialmente per assunzioni protratte nel tempo o per gli psicofarmaci)

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.