I tempi di attesa per una consulenza sono di 3/4 giorni circa. Contattami subito! Non ti impegna e non perdi tempo
Home/ALLATTAMENTO/UNA CHECKLIST PER UNA POPPATA EFFICACE

UNA CHECKLIST PER UNA POPPATA EFFICACE

La poppata del tuo bambino è una poppata efficace? Controlla tu stessa con la mia check list in regalo per te.
Molte volte mi si chiede: “E’ normale che il bambino mi stia attaccato 24 ore su 24?” o anche “Ma perché fa fatica a scaricarsi anche se prende il latte materno” o ancora “Si addormenta sempre al seno, sarà un bimbo pigro?

Generalmente la risposta in questi casi è: DIPENDE.

Lo so che non ti rassicura questa cosa e che non ti risolve il problema, ma sarei molto poco professionale a dirti diversamente. La risposta a tutte queste domande e alla maggior parte di quelle legate all’allattamento, all’accrescimento e alla produzione di latte dipendono davvero da COME il bambino poppa. Specialmente nelle prime settimane di vita.

Quando la poppata non è efficace?

Se il bambino sta attaccato al seno ma la sua NON è una poppata efficace, è probabile che tu possa notare queste cose:

  • è “pigro al seno” cioè si addormenta al seno dopo pochi minuti di poppata e devi continuamente cercare di svegliarlo
  • ci mette tanto per attaccarsi, fa fatica, sembra allontanarsi, si attacca e si stacca di continuo
  • si attacca e ti fa male
  • è sempre in uno stato di “dormi-mangia” (breastspleeping) cioè dorme troppo poco o troppo e fa poche poppate (meno di 6/8)
  • non cresce in modo adeguato: sono bimbi che ingannano un po’ perché sembrano andare bene ma non si avviano mai perfettamente, prendono peso e si scaricano sempre al limite minino della media o anche un po’ sotto

“È fondamentale essere sicuri che il bambino sia in grado di avere una poppata efficace”

Come fare a capire se il bambino sta facendo una poppata efficace?

Una poppata per essere definita efficace deve, prima di tutto, trasferire latte e non fare male. Cioè:

“In una poppata efficace il bambino si nutre adeguatamente, deglutisce e la mamma non ha dolore”

Le cose principali da osservare sono:

  • la mamma non ha dolore né ragadi, né segni di capezzolo schiacciato dopo la poppata
  • il bambino ha generalmente gli occhi aperti e i pugni chiusi, segno che è concentrato e attivo nel suo lavoro
  • deglutisce con una suzione costante per almeno una decina di suzioni e a ripetizione
  • la deglutizione è udibile e osservabile chiaramente. A volte si sente proprio il rumore del latte che scende ed è possibile vedere in modo chiaro il movimento del mento che scende verso il basso in modo marcato, con una pausa in quella posizione per consentire la deglutizione del latte
  • ci sono momenti di pausa ma sono brevi a fronte dei momenti di deglutizione attiva, e dopo la prima pausa il bambino continua comunque a deglutire ripetendo questo ciclo di suzioni e pausa più volte, anche allo stesso seno
  • l’attacco è corretto: bocca spalancata (quasi a 180°!) e labbra estroflesse e (generalmente) assenza di rumori durante la poppata
  • le guance del bimbo sono rotonde, senza fossette e il capezzolo non viene risucchiato e rilasciato ma, anzi, quasi il seno non si muove
  • il bambino è calmo, rilassato e sazio dopo la poppata. Magari ha bisogno di fare un ruttino e preferisce dormire in braccio a te piuttosto che in carrozzina ma, se questi bisogni sono soddisfatti, tendenzialmente si addormenterà sereno (fare attenzione ai neonati sonnolenti, che sembrano dormire pacifici ma in realtà hanno deglutito poco e sono fin troppo letargici)
  • si scarica in modo abbondante, regolare e più volte al giorno
  • aumenta di peso in modo adeguato e non ai limiti minimi delle sue possibilità

SCARICA QUI la mia check-list e tienila a portata di mano, ti servirà per capire meglio come sta andando la poppata e capire dove eventualmente si può agire per migliorare la situazione.

Cosa fare se la poppata non è efficace?

Se ti sei accorta che la tua poppata non funziona bene, che il tuo bambino non deglutisce correttamente o che l’attacco non è ideale e questo incide su tutto l’andamento della tua giornata e della sua crescita, non perdere tempo!

Cerca di capire dove sta il problema e agisci al più presto per migliorare la situazione.

Se hai dubbi, non sei sicura di riuscire a fare da sola o i miglioramenti ti sembrano pochi o lenti, chiedi aiuto. Potrebbero bastare anche solo due ore per cambiare tutta la situazione o almeno iniziare a intraprendere la strada giusta per migliore e avviare definitivamente allattamento, produzione e crescita.

Io posso aiutarti con le mie consulenze allattamento.

Forse può interessarti leggere anche altri articoli su questi temi:

Oppure scaricare la mia guida “Come aumentare la produzione di latte”!

Scrivi un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.